Gli affreschi dei Carlone in Sant’Antonio Abate a Milano. Ipotesi per una committenza genovese - Agnese Marengo - Vita e Pensiero - Articolo Arte Lombarda Vita e Pensiero

Gli affreschi dei Carlone in Sant’Antonio Abate a Milano. Ipotesi per una committenza genovese

digital Gli affreschi dei Carlone in Sant’Antonio Abate a Milano. Ipotesi per una committenza genovese
Articolo
rivista ARTE LOMBARDA
fascicolo ARTE LOMBARDA - 2011 - 3
titolo Gli affreschi dei Carlone in Sant’Antonio Abate a Milano. Ipotesi per una committenza genovese
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2011
issn 0004-3443 (stampa) | 2785-1117 (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

The Frescoes by Giovanni and Giovanni Battista Carlone in Sant’Antonio Abate in Milan. A possible Genoese commission
AGNESE MARENGO

The article suggests a new interpretation of the appointment of Giovanni and Giovanni Battista Carlone for the realization of the fresco series with Stories of the Cross (1630-1632) in the Theatine church of S. Antonio Abate in Milan. Such a prestigious assignment to a couple of Genoese painters arguably originated in a milieu somehow connected to the city of Genoa. Possible evidence is given by the well documented relationship between the two painters and members of the Spinola family, who at the time held important roles in the politics of the State of Milan. Following this line of interpretation, the man portrayed in one of the frescoes decorating the nave may be identified with a member of the notorious family.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento